wrapper

Ultima Ora

Cosenza si riappropria di un altro elemento della sua identità. E lo fa riaprendo le porte di uno dei palazzi più suggestivi del centro storico della città, la Residenza Ruggi d’Aragona. Una conquista che di fatto inaugura una nuova stagione di obiettivi tesi alla valorizzazione e alla piena fruizione di Cosenza Vecchia. Ridare slancio e vitalità perché storia e bellezza siano volano di sviluppo culturale ed economico è l’obiettivo perseguito dalla amministrazione comunale e dall’Associazione Terre Bruzie che mantiene così l’impegno assunto nella scorsa estate di riconsegnare la struttura alla città entro questo mese di marzo. Una sinergia di professionalità messe in campo per dare vita ad un albergo diffuso nel centro antico, di cui Palazzo Compagna, inaugurato ieri sera, rappresenta il fulcro. Palcoscenico di eleganza ed arte, la struttura offre, con i suoi saloni e suite, anche grandi possibilità di condivisione storico-artistica. Mostre ed allestimenti troveranno un luogo naturalmente vocato alla esaltazione di bellezza e storicità. Nella serata di ieri, alla presenza del Presidente di Terre Bruzie Remigio Calderaro e dei Vice Presidenti Giuseppe Farinella e Sabino Nitti, si è concretizzato un primo obiettivo, frutto anche di un’efficace sintonia tra l’interesse privato e la lungimiranza del pubblico. Alla inaugurazione sono intervenuti, oltre al vicesindaco di Palazzo dei Bruzi Jole Santelli e agli assessori Michelangelo Spataro e Loredana Pastore, anche Luigi Bilotto, direttore scientifico del progetto e l’imprenditore Renato Nuzzolo che lo ha realizzato. “È una grande soddisfazione dare ai cosentini il benvenuto in casa loro “ha salutato Nuzzolo, sottolineando la necessità di vivere il proprio territorio creando rete e comunicazione tra le eccezionali competenze presenti nel settore del turismo, dell’arte, dell’economia. L’obiettivo è quello di incentivare e diversificare l’offerta turistica per far si che dalla valorizzazione del cuore antico di Cosenza nasca una nuova sensibilità culturale che promuova sviluppo per l’intera città dei Bruzi. Foto Osvaldo Spizzirri.

Chi Siamo

Qualcuno scrisse che: "La Calabria sembra essere stata creata da un dio capriccioso che, dopo aver creato diversi mondi, si è divertito a mescolarli insieme".
Noi dell'Associazione Terre Bruzie sentiamo particolarmente vera questa definizione della nostra regione e condividiamo l'idea che visitare un luogo significa rispettarne usanze e storia, apprezzarne cultura e cucina, ammirarne gli splendori artistici e architettonici.